La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
 
 
   
 
>
>
>
>
>
>
 
 
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
 
   
   
     
 

Stampa e Leggi

Edizione 2021 - 2022

 
 
 
     
   
    Per leggere e/o scaricare i file potresti aver bisogno di Adobe Reader (per i file .pdf) e WinZip (per i file .zip)  
    scarica Adobe Reader scarica WinZip  
    Se non disponi di questi
programmi puoi scaricarli
facendo CLIC sull 'icona.
 
   
 

Home >> Mosaico >> Genitori a scuola >> Dettaglio articolo

 
Romania
 
 
Ricordi della Romania Io in Italia mi trovo bene, perché vengo a scuola e ho fatto tante amicizie. La sera però a volte m prende la nostalgia e penso alla Romania, a quando ero piccola e giocavo nel giardino della mia casa, mi arrampicavo sugli alberi durante l’estate e mangiavo le ciliege. Quando frequentavo la prima classe in Romania nel mio giardino ho trovato un piccolo uccellino che era caduto dal nido e non sapeva volare. Quando avevo un po’ di tempo gli davo da mangiare e cercavo di farlo volare, ma cascava sempre per terra. Io mi arrampicavo sull’albero lo lanciavo e mio fratello stava giù per prenderlo se cadeva. Una mattina purtroppo mi sono svegliata e l’uccello era morto. Quest’anno sono tornata nel mio paese, la mia gatta ha fatto tre gattini e ho visto di nuovo un uccellino, ho chiesto a mio padre di farlo volare e questo per fortuna e riuscito a farlo volare. Curiosità dalla Romania Alla fine dell’anno scolastico, chi ha studiato molto bene vince un premio; una corona d fiori profumata costruita dalla nonna oppure comprata dal fioraio . La corona può essere di fior veri o artificiali e poi si ricevono dei libri. La festa di San Nicola con la 1^ e la 2^ classe elementare Ecco entrati i bambini, tutti sorpresi e gioiosi perché avevano trovato le scarpe della maestra sul tavolo tutte riempite con due pacchi d caramelle e tre o quattro cannucce su ogni scarpa. Una bambina rumena ha spiegato che ciò che aveva fatto la maestra succede nel suo paese. La prima e la seconda classe bisbigliavano mentre la maestra spiegava. Sempre la stessa bimba ha raccontato che per i bambini rumeni il 6 dicembre ricevono doni, da San Nicola, un po’ com’è per noi la nostra befana solo, che quando siamo cattivi ella ci porta il carbone e invece per loro si portano le cannucce. La maestra Margherita ha illustrato ai bambini un libro su San Nicola e ha spiegato che questo santo era un vescovo molto buono, se qualcuno gli chiedeva qualcosa lui diceva di sì e li aiutava. Un giorno lui parti’ con una nave con la vela blu e la storia finì che ancora oggi nelle case rumene si portano regali e caramelle e se servono anche le cannucce. Sempre la maestra ha illustrato un libro però visto che era troppo difficile l’ha spiegato in maniera semplice, era un’ altra storia su S.Nicola. I bambini poi, si sono messi in cerchio a ballare e cantare una canzone sul Natale. Hanno poi mangiato le caramelle e hanno preso le cannucce. Un applauso e tutti in ginocchio per la foto, tutti vogliono farsi notare e farsi vedere. Chissà chi avrà preso la cannuccia al posto della caramella… San Nicola tanto amato dai bambini rumeni La notte tra il 5 e 6 dicembre tutti i bambini rumeni vanno a dormire contenti, prima di addormentarsi però puliscono le loro scarpe benissimo, si possono anche far aiutare dai loro genitori, perché la notte passa S.Nicola e mette le caramelle. Per i bambini buoni ci saranno tante caramelle, ai bambini cattivi invece S.Nicola lascerà un bastone , questi bambini saranno tristi ma si renderanno conto che sono stati cattivi e così si comporteranno bene per il prossimo S .Nicola.
 
- Gli alunni
 
Mosaico - n° 1 di Dicembre 2004
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net