La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
 
 
   
 
>
>
>
>
>
>
 
 
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
 
   
   
     
 

Stampa e Leggi

Edizione 2021 - 2022

 
 
 
     
   
    Per leggere e/o scaricare i file potresti aver bisogno di Adobe Reader (per i file .pdf) e WinZip (per i file .zip)  
    scarica Adobe Reader scarica WinZip  
    Se non disponi di questi
programmi puoi scaricarli
facendo CLIC sull 'icona.
 
   
 

Home >> Mosaico >> Attualità >> Dettaglio articolo

 
Acqua di casa nostra
 
 
Nella nostra scuola quest’anno in molti ci stiamo interessando della risorsa ACQUA (vedi Progetto POF “Linguaggi”). Così anche nella nostra classe ci siamo trovati a riflettere sull’acqua che è un bene primario, fonte di vita e perciò : bene comune per l’umanità che ne deve poter far uso e deve proteggerla! Parlando tra di noi ci siamo accorti che in genere tendiamo a far poco caso ai mille usi che se ne possono fare: bere, lavare, giocare, innaffiare e magari pochi si fermano a pensare da dove viene l’acqua , ricordando che non è una risorsa inesauribile! Una mattina grazie agli operai del Comune, con i maestri, siamo andati a visitare una parte dell’ antico acquedotto di Lanuvio. Prima con il signor Gianni, abbiamo parlato di come l’acqua arriva nelle nostre case. Poi siamo entrati all’interno di un passaggio e attraverso uno strettissimo corridoio siamo stati condotti a visitare quello che ancora oggi resta dell’antica opera con la quale i Romani prima e noi ancora oggi, facciamo arrivare l’acqua dalla sorgente alle grandi vasche da cui partono le tubature che arrivano fino a casa nostra. Dopo aver camminato nella Lanuvio sotterranea… abbiamo discusso con i nostri accompagnatori sull’importanza di conservare e usare con moderazione l’acqua rivolgendo loro domande e chiedendo chiarimenti su quello che ci avevano mostrato. Siamo stati informati che il livello dei laghi di Albano e di Nemi si sta abbassando e che questo fatto è connesso con lo sfruttamento eccessivo dei pozzi, sia pubblici che privati Ci hanno detto che dal 1995 le acque del territorio vulcanico di Colli Albani sono sotto la tutela della pubblica Amministrazione per cui chi vuole scavare un pozzo deve ottenere un particolare permesso. Abbiamo inoltre, appreso che eravamo i primi bambini ad affrontare questo percorso e di questo siamo stati davvero molto contenti e speriamo che sia un’esperienza che anche altri potranno fare. Dopo questa esperienza siamo ancora più consapevoli della responsabilità che abbiamo nel conservare e proteggere la risorsa “acqua” per le generazioni che verranno.
 
- Lorenzo - Sonia - Gianluca
 
Mosaico - n° 2 di Maggio 2004
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net