La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
.
 
 
   
 
>
>
 
 
 
     
 
>
>
>
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
     

Home >> Mosaico >> Scuola informa >> Dettaglio articolo

 
La pubblicità nella scuola ovvero: ci pace farvi sapere
La parolaccia
 
 
Una parolaccia può scappare a tutti. Succede quando si è nervosi, arrabbiati. Allora si dicono cose che non si vorrebbero dire. Le parolacce sono parole strane, offensive. Possono fare del male, se rivolte a qualcuno. A volte vogliamo fare del male, ferire. E queste sono le peggiori. Sono pesanti come sassi. Non si devono dire le parolacce perché non si dovrebbe desiderare di ferire gli altri. Se si ha un problema, si discute. Non lo si risolve lanciando parole pesanti. E dopo, quando si è chiarito tutto, si capisce che le parolacce non servono proprio a niente, che per comunicare si ha bisogno di parole normali, tranquille. Pulite.
 
- Gli alunni
 
Mosaico - n° 2 di Aprile 2003
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net