La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
.
 
 
   
 
>
>
 
 
 
     
 
>
>
>
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
     

Home >> Impertinente >> Ti racconto >> Dettaglio articolo

 
Poesia a tema
“Non posso donare all’altro del mio, senza avergli dato in primo luogo ciò che gli compete secondo giustizia”
 
 

Lavoro in nero, lavoro di nero,

lavoro che uccide per un cellulare

il Colton dà il cancro a chi lo estrae,

ti porta la linea sul tuo cellulare,

un euro ogni chilo per questo lavoro

e poi tu mi mandi la tua carità

 

Le cure non voglio, rispetto mi devi

un sano lavoro e un giusto salario,

un piatto di riso riempie la pancia

e lava di colpo la tua coscienza.

Pagarmi tu devi per quello che faccio,

non darmi le bricioli del tuo avanzo.

 

Tu prova adesso dopo avermi pagato

Il gesto più bello del gratis dato,

che gioia nel cuore potrai provare

se questo gesto riuscirai a fare.

Ti dono un sorriso, la gioia più grande

Vedere nel mio viso un’anima raggiante.
 
- Eleonora Bianchi (IGEA) - 4 B
 
Impertinente - n° 1 di Dicembre 2009
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net