La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
 
 
   
 
>
>
>
>
>
>
 
 
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
 
   
   
     
 

Stampa e Leggi

Edizione 2021 - 2022

 
 
 
     
   
    Per leggere e/o scaricare i file potresti aver bisogno di Adobe Reader (per i file .pdf) e WinZip (per i file .zip)  
    scarica Adobe Reader scarica WinZip  
    Se non disponi di questi
programmi puoi scaricarli
facendo CLIC sull 'icona.
 
   
 

Home >> Enjoyce >> Personaggi e protagonisti >> Dettaglio articolo

 
Personaggio dell’anno?...
Dante Alighieri
 
 
Un evento da noi tanto atteso è andato in scena al teatro-tenda di Tor Vergata a Roma, dal 23 novembre al 24 febbraio 2008. L’opera, ideata da monsignor Marco Frisina con la collaborazione della Nova Ars Musica Arte e Cultura, ha riscosso un inaspettato successo non solo tra gli adulti, ma anche tra i giovanissimi. E’ divisa in due atti: il primo dedicato interamente all’Inferno, il secondo al Purgatorio e alla successiva ascesa al Paradiso. L’intero musical è incentrato sulla fragilità umana, l’intento è quello di recuperare il senso teologico della Commedia, ricostruendo il viaggio che parte dal peccato, per giungere alla grazia divina e all’amore universale incarnato nella persona di Beatrice. La rappresentazione prevedeva una scenografia parte costruita, parte virtuale; con realistiche proiezioni delle creature dantesche, insieme all’utilizzo di un ampio palcoscenico roteante perfetto per i gironi danteschi. Le coreografie, a dir poco spettacolari, hanno compreso un cast di ballerini, acrobati e cantanti responsabili in modo particolare alla creazione di un’opera senza precedenti. Determinanti sono stati i diversi tipi di costumi degli attori-ballerini, che hanno maggiormente reso realistici gli scenari. La musica, funzionale alle cantiche, era rock nell’Inferno, perché esprimeva sofferenza e rabbia, nel Purgatorio Frisina ha scelto il gregoriano, adatto al luogo della preghiera, in ultimo una musica gioiosa nel Paradiso, ove s’è raggiunta la salvezza eterna. Egli ha caratterizzato ogni personaggio in modo tale che ognuno avesse una propria musica. Accurata l’attenzione anche nella scelta delle tonalità e dell’intensità delle luci, scure e tetre nel primo atto e via via sempre più chiare, progredendo nell’ascesa alle due cantiche  successive. Un musical  di facile comprensione anche se prevedeva un’approfondita conoscenza dei personaggi comparsi. Lo spettacolo, perfetto in ogni dettaglio, crea uno straordinario coinvolgimento del pubblico, suscitando forti emozioni di angoscia, pietà e curiosità, suggestionate oltre che da un ricco cast di professionisti, anche da un’efficientissima scenografia.
 
- Daniela Santangeli - Chiara Silvestri (III LB)
 
Enjoyce - n° 2 di Marzo 2008
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net