La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
.
 
 
   
 
>
 
 
 
     
 
>
>
>
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
     

Home >> Noi ci siamo >> Musica e parole >> Dettaglio articolo

 
La diffusione della musica
 
 
Mi piace ascoltare musica e sono affascinato da chi la musica l’ha intesa come espressione della propria interiorità. Uno di questi è il grande KURT COBAIN dei Nirvana. Cobain non aveva un carattere facile, odiava il successo. I Nirvana, come gruppo rock, entrano in scena negli anni ’90, posizionandosi sui Gun’s & Roses, gruppo cult del momento. Alla gente piaceva la musica dei Nirvana e soprattutto era affascinata dalla loro immagine e in particolare da quella di Kurt. In pochi anni i Nirvana diventano un mito vivente, la loro musica colpisce il pubblico che mai è stato così entusiasta come nel 1991, anno in cui esce Nevermind,e vende tre milioni di copie. E’ a questo punto che si capisce che il famigerato gruppo rock entrerà nella storia di tutti i tempi, il successo è tale che la gente non ragiona più, non si sentono che i Nirvana tra i cd più acquistati dai ragazzi, M.T.V. invia loro un premio. Kurt Cobain è diventato un dio: ma proprio questo dio si suiciderà con un colpo di fucile. Perché questo gesto? Kurt è dilaniato dal suo stesso talento, un talento che oggi, è difficile ritrovare nei gruppi a noi contemporanei.Egli era travolto da un’inquietudine che aveva origine nella sua difficile infanzia. Ha manifestato il suo disagio anche nella sua carriera, soprattutto odiava il lato commerciale del gruppo e pensava che i suoi fans erano “fans falsi” e che erano attratti solo dal suo cd più famoso “Evermind”. Infine pubblica un album che inizialmente si chiamava”I hate and I wont to die” (Mi odio e voglio morire) Cobain era un artista che voleva dire al mondo che la musica non è solo successo, vendita di cd, soldi, che la musica è qualcosa di più: è espressione, è sogno…che la musica va capita, interpretata, amata, che la musica non è commercio, la musica è ben altro!
 
- Francesco Pezzuti
 
Noi ci siamo - n° 2 di Maggio 2005
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net