La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
.
 
 
   
 
>
 
 
 
     
 
>
>
>
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
     

Home >> Noi ci siamo >> Insegnare e imparare >> Dettaglio articolo

 
Aneddoti di Giufà
Dallo spettacolo teatrale “Giufà e il mare” alla ricerca. Cosa abbiamo scoperto su Giufà.
 
 
Nei paesi arabi il personaggio di Giuha ha un'origine antichissima (IX secolo circa) ed è tuttora molto in voga sia negli ambienti popolari sia in quelli intellettuali, essendo un'inesauribile fonte di saggezza e di divertimento. Molti si contendono i suoi natali, e la memoria popolare ha fatto sì che il personaggio si diffondesse in un'area geografica molto vasta che comprende diversi popoli e culture. Giuha è un personaggio che, da un paese all’altro, viene chiamato con nomi diversi: Abu Nuwas in Siria ed Iraq, Giochà dagli Ebrei, Nasredin Hogia in Turchia, Giucà presso le comunità albanesi, Giuha nei paesi del Maghreb, Giufà in Sicilia, Giocà in Toscana. Sull'origine di Giuha non si sa molto, poiché, per secoli, le sue storie sono state tramandate oralmente di paese in paese; in questi ultimi anni molti racconti sono stati ripubblicati in lingua araba. Giufà vive in un imprecisato paese dell'oriente arabo, all'epoca del grande califfo Harùn Al-Rashid . Solitamente è rappresentato come un uomo di età media, con lunghi baffi, un grande naso ed una gellaba lunga fino ai piedi, che calzano le caratteristiche babbucce. I vicini di casa, i conoscenti ed i suoi amici più stretti rappresentano vizi e virtù dell'animo umano, caratteri e comportamenti dalle mille sfaccettature. Giuha ha anche una moglie dedita al lavoro di casa, ma chiacchierona e pettegola quando manca il povero marito dal quale, almeno, ha appreso saggezza ed astuzia. Il suo nome deriva da un verbo arabo che significa “deviare dalla retta via”, è allo stesso tempo furbo e sciocco, povero e ricco, sfortunato o baciato dalla fortuna. Tutte le storie si svolgono in luoghi o scene tipici della vita quotidiana,l’hammam “luogo d’incontro”, il suq “il mercato”, il ristorante, la moschea, il tribunale, il palazzo del principe o del sultano. Attorno a Giufà, ruotano varie figure che animano le sue storie, e che gli consentono di mettere in moto la sua astuzia e fantasia. Le storie di Giufà sono aneddoti, “brevi fatti”dal finale divertente, attraverso cui si può cogliere un intento didascalico ed educativo. I comportamenti più frequenti sono l’avarizia e l’avidità, il raccontare bugie, la mancanza d’ospitalità, la sciocca adulazione, e in genere gli imbrogli.
 
- Classe - 2 F
 
Noi ci siamo - n° 2 di Maggio 2005
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net