La comunità virtuale scolastica dei Castelli Romani
cerca in
 
 
   
 
>
>
>
>
>
>
 
 
 
 
 
   
 

Scegli la rubrica

 
   
 
   
   
     
 

Stampa e Leggi

Edizione 2021 - 2022

 
 
 
     
   
    Per leggere e/o scaricare i file potresti aver bisogno di Adobe Reader (per i file .pdf) e WinZip (per i file .zip)  
    scarica Adobe Reader scarica WinZip  
    Se non disponi di questi
programmi puoi scaricarli
facendo CLIC sull 'icona.
 
   
 

Home >> Impertinente >> Politica >> Dettaglio articolo

 
Boicottiamo!!!
 
 
Ogni anno nel mondo accadono fatti talmente e brutali da farci dimenticare che siamo nel 2000, o 2004, e non tutto ciò che accade nel mondo arriva sempre a giornali e tv. Non date retta a chi vi dice che oggi il mondo è peggiore: il mondo è sempre lo stesso perché l’uomo è sempre lo stesso, ma oggi ci sembra di vivere in un mondo così brutto e violento solo perché grazie ai mass media le notizie girano... ma tutto ciò che accade oggi, accadeva anche ieri. La società cambia (per fortuna?), e sono sicuro che chiunque di voi se capisse di avere in mano lo strumento per fermare la sofferenza di tante genti nel mondo lo userebbe! Voglio ora porre alla vostra attenzione una ditta che produce beni di consumo che semina morte e malattia nel mondo, il suo nome è NESTLE. Sicuro son che molti di voi la conoscono, è una multinazionale di origine svizzera (dico di origine perché queste multinazionali tengono le loro sedi commerciali non nei paesi di origine ma nei cosiddetti paradisi fiscali) che produce latte in polvere, caffè (Nescafe), acqua e bibite (Panna, San Pellegrino ecc ecc), surgelati (Italgel), latticini, cibi per animali, dolcetti vari (Lion, Kit Kat, Smarties ecc ecc) e moltissima altra parte del mercato agro-alimentare italiano e mondiale. Le multinazionali come Nestlè sono colpevoli di molti atti riprovevoli, colonizzano fette sempre maggiori dei mercati a scapito delle industrie di medio e basso livello che operano a livello nazionale, sfruttano le terre ed i popoli del terzo mondo a costi bassissimi e tanto altro ancora. Prendendo solo uno dei tanti esempi a disposizione, parliamo della politica di vendita di latte in polvere della Nestlè nei paesi poveri. La Nestlè vende latte in polvere in moltissimi paesi, specialmente nei paesi del sud del mondo ove è più facile trasgredire alle regole dei codici internazionali ricorrendo a tecniche di marketing scorrette. Il comportamento delle multinazionali come Nestlè dipende dalle nostre scelte. Alla fine il nostro problema non è la mancanza di strumenti di intervento. Il nostro vero problema è come vogliamo utilizzare la nostra vita: se preferiamo viverla da "sovrani" che pretendono di indirizzare il corso della storia per fare trionfare la pace e la giustizia o se preferiamo viverla da "servi" disposti a barattare la nostra dignità per un piatto di lenticchie. Se ci pensiamo bene la Nestlè non è altro che un colosso dai piedi d'argilla. La contrazione del fatturato dell'1,2 registrata dalla Nestlè dovrebbe indurre il gruppo svizzero a rivedere la propria politica a livello mondiale per la promozione di latte per neonati. Questa contrazione è infatti dovuta principalmente al calo delle vendite negli Stati Uniti e nel Regno Unito, paesi dove il boicottaggio è stato portato avanti con maggior vigore. Il boicottaggio è uno strumento democratico e efficace che noi consumatori abbiamo a disposizione per costringere la Nestlé a rivedere il suo comportamento. L'atteggiamento più pericoloso, da allontanare come una tentazione, è il pessimismo. Non dire che contro i colossi della terra non ce la faremo mai e che quella mondiale è una dimensione troppo vasta per essere gestita dal basso. Sui sensi di impotenza i padroni ed i governanti costruiscono imperi. Congiuntamente ad una capillare informazione e sensibilizzazione sul problema, il boicottaggio raggiunge in forma democratica ed efficace l'obbiettivo attraverso tre meccanismi: § determina un calo delle vendite: bisogna ricordare che può bastare una riduzione di solo il 3 - 5% per provocare un grave danno alle imprese costrette a incrementare le spese per la pubblicità e a cedere fette di mercato alla concorrenza. § danneggia l'immagine dell'impresa e questo, in una società che vive di sola immagine, rappresenta un danno ancor più grave del semplice calo delle vendite: alcune compagnie, denunciate in passato, hanno ceduto davanti alla sola minaccia di boicottaggio per non vedere il loro nome associato nella mente dei consumatori a comportamenti moralmente condannabili. § costringe l'impresa a reimpostare le pubbliche relazioni, a vigilare in maniera molto accurata sulle iniziative dei boicottatori ed a nascondere le pratiche scorrette di cui è accusata. Le ditte infatti fanno un conto di queste perdite (subite a causa del boicottaggio) e delle perdite che subirebbero accettando le richieste dei boicottatori. La ditta boicottata cesserà le pratiche incriminate solo quando le converrà sul piano economico, l'unico a cui è sensibile. Ogni giorno 4000 bambini nel Sud del Mondo potrebbero essere salvati dalla morte per malattie e denutrizione se fossero allattati al seno e non con latte in polvere I generali riescono a condurre le loro guerre non solo perché hanno al loro seguito un esercito di soldatini obbedienti, ma anche perché migliaia di operai accettano di costruire armi. I tiranni riescono ad imporre le loro dittature non solo perché dispongono di poliziotti pronti ad eseguire qualsiasi rappresaglia, ma anche perché molti preferiscono tacere. Siamo abituati a pensare al potere come a qualcosa che si possiede. In realtà il potere è qualcosa che si riceve e non da Dio o da altre forze soprannaturali, ma dai sudditi.
 
- D.B.
 
Impertinente - n° 1 di Dicembre 2004
 
 
 
 
   

 

 

Copyright © 2002-2008 [Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani]. Tutti i diritti riservati.

Sede del Consorzio SBCR - Viale Mazzini, 12 - 00045 - Genzano di Roma
Tel 06.93956063 - Fax 06.93956066 - Email: bicom.genzano@consorziosbcr.net