RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Cibo per la mente

Possessione

Dotato di sapiente ed abile struttura narrativa che mescola ed alterna diversi generi letterari, il libro racconta, attraverso l'attenta ricostruzione di due studiosi, Roland e Maud, la storia d'amore fra il poeta vittoriano Randolph Henry Ash e la poetessa Cristabel La Motte.
La ricostruzione imperfetta a posteriori della vicenda, attraverso la lettura e l'analisi della corrispondenza fra i due amanti, di stralci di diari di personaggi secondari e di altre fonti indirette, mostra al lettore, in maniera offuscata e a volte contraddittoria, annebbiata dal tempo trascorso e spesso intrecciata dalla molteplicità dei punti di vista dei personaggi, la passione/possessione fra i due.
Il romanzo arditamente rispetta e insieme supera i canoni del genere: il giallo si lega allo stile epistolare ed autobiografico, le digressioni poetiche e mitologiche si connettono al patetico di fine 800.
Su tutto campeggia l'impressione di una notevole modernità ottenuta attraverso la dissoluzione delle coordinate spazio-temporali, il tratteggio indefinito e sfuggente dei personaggi, l'uso sapiente di un lessico sobrio ed essenziale.

Antonia S. Byatt

Einaudi

Per la rubrica Cibo per la mente - Numero 0 marzo 2001