RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Primo piano

In Viaggio Con Il Bitbus

Arriva un BItbustimento carico di...

Agesci e Consorzio SBCR, dal 4 all'11 gennaio 2003 in Molise


Le attività del Consorzio Bibliotecario dei Castelli Romani hanno da sempre avuto nei bambini un interlocutore privilegiato, anzi si può affermare, senza timore di smentita, che uno dei target principali delle politiche di tutte le biblioteche della zona è sempre stato nella fascia d'età che va dai 2 ai 14 anni.
Il terremoto del Molise ha colpito al cuore proprio questa generazione e l'ha colpita con la tremenda intempestività di tutte le tragedie, in un luogo e in un momento che è quello fondamentale della vita di ogni cittadino: quello della scuola. Il processo di ripresa del dopo terremoto parte proprio da qui: dalla ricostruzione, non solo psicologica, ma anche "culturale" di una fascia d'età, perché non si può impedire al sisma di buttare giù le case e di costringere le persone a vivere nei containers, ma non gli si deve permettere di distruggere una generazione in formazione, non gli si può concedere di fermare quei momenti di socializzazione, di scambio e crescita culturale che sono indispensabili nell'età evolutiva.
Dal 4 all'11 gennaio il bitbus del consorzio si trasformerà in un bitbustimento carico di libri e di bibliotecari che andranno a supportare chi con forza e determinazione già si sta adoperando per riportare i giovanissimi molisani ad una vita normale. In 4 dei campi più affollati, ci saranno la nostra biblioteca, le nostre attività di animazione alla lettura, i nostri pc, i nostri bibliotecari pronti a fornire agli sfortunati ragazzi del Molise, quel servizio che ogni giorno viene fornito agli utenti dei Castelli Romani. Le 11 persone che a rotazione partiranno, coordinate da Alessandro Ciuffa, Giacomo Tortorici e Maria Grazia Forcina, agiranno in collaborazione con le istituzioni (le scuole in particolar modo) e soprattutto con chi (psicologi e docenti) già si sta adoperando in questa direzione.
Grazie all'ospitalità e al coordinamento logistico dell'Agesci i dipendenti del Consorzio potranno così mettere a disposizione di chi ne ha bisogno tutta la loro professionalità e far conoscere, un territorio, quello dei Castelli Romani, forse poco conosciuto e apprezzato sotto questo profilo.

Per la rubrica Primo piano - Numero 17 gennaio 2003