RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Cibo per la mente

Il sale della vita

Mosca, Paolo
Sperling & Kupfer, 2000

"Il sale porta felicità, sconfigge il lato negativo di gente e destino" questo è ciò che si racconta da sempre. All'autore del libro"Il sale della vita" è stata proprio sua madre Teresa a lasciarglielo nel cuore (a mettergliene in tasca una manciata). Lei diceva che gli avrebbe portato fortuna, trovato il gusto dell'amicizia e dell'amore ed anche scoperto che la solitudine può fare compagnia. Il sale della vita è un prezioso antidoto contro la visione pessimistica del mondo. Infatti, è "prezioso come l'oro ne basta una manciata per dare più sapore alla nostra esistenza". Se ognuno di noi ci pensa bene, non c'è giorno in cui non ci assalgono dubbi, paure ed ansie. Per poter affrontare e superare le prove continue che la vita ci riserva, l'autore ci invita a chiedere un consiglio di saggezza ed ottimismo a quella manciata di sale che ognuno di noi nasconde in tasca. Saremo così in grado di superarle. Tra queste prove ci sono quelle d'amore, di fede. Inoltre questo sale ci sarà utile anche nei rapporti sociali di ogni giorno. L'autore per aiutare le persone ad aprire definitamene il proprio animo agli altri, al destino ed al cielo; alla fine di ogni capitolo del libro offre un fiore segreto. Buona lettura con il sale in tasca!

Per la rubrica Cibo per la mente - Numero 21 maggio 2003