RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Libri Lettori Biblioteche

Ariccia - La Biblioteca Del Circolo Didattico

Un nuovo modello da sperimentare

Intervista al Sindaco Vittorioso Frappelli


D: Sindaco, è in fase di allestimento una nuova biblioteca ad Ariccia. Quella del Circolo didattico, che si aprirà presso la sede della scuola elementare Bernini di Via F.Chigi. Il Comune di Ariccia è entrato nel Consorzio da alcuni mesi, pur non avendo una propria biblioteca comunale.
Si stanno definendo, proprio in questi giorni, le modalità per offrire ai cittadini di servizi di pubblica lettura alternativi alla presenza di una sede stabile di biblioteca, intanto il Comune, Lei in prima persona ha deciso di investire sulla biblioteca della scuola, quali le motivazioni di tale scelta?

R: Credo che le biblioteche, scolastiche o comunali che siano, costituiscano una risorsa decisiva per qualsiasi territorio, lo aiutino a crescere e a sviluppare. L'area dei Castelli Romani grazie alla rete delle biblioteche consorziate, gode di un'offerta formativa, informativa e documentaria non indifferente, il nostro Comune vuole contribuire ad arricchirla intanto con un intervento a favore della biblioteca scolastica.

D: Quale il suo rapporto con Il Consorzio?

R: Conosco l'attività costante del Consorzio sul terreno della promozione del libro e della lettura per giovani e giovanissimi . Ho apprezzato la programmazione di questo anno che vede allestite nelle nostre biblioteche ben tre mostre bibliografiche e multimediali rivolte ai ragazzi, agli insegnanti e ai genitori, so che tutte le biblioteche sono attrezzate con sezioni ragazzi e spazi specifici a loro destinati, che il Sistema SBCR possiede un Centro di documentazione di letteratura per l'infanzia con sede a Lanuvio, ma so altrettanto che ciò non basta, la domanda territoriale di questo servizio non è ancora soddisfatta: Ariccia vuole venire incontro a tale esigenza intanto con la prossima apertura della biblioteca scolastica del Circolo didattico.

D: A quale modello di biblioteca pensate, nel realizzare la vostra nuova biblioteca?

R: Ne ho parlato a lungo con la Dirigente scolastica Dott.ssa Trinca, che ha il merito di avermi sottoposto l'obiettivo e con la quale ho condiviso finalità e mission della biblioteca. La nostra biblioteca, proprio perché si rivolge ai bambini della scuola elementare verrà organizzata a loro dimensione, sia negli spazi che nelle modalità di esposizione dei materiali.
Il primo impianto delle raccolte privilegerà le attività curriculari, e tra queste favorirà l'apprendimento da parte degli scolari della metodologia della ricerca. Il Consorzio già affianca la scuola nella fase di progettazione e la sosterrà in itinere, erogando i servizi già attivi per le biblioteche civiche: acquisto centralizzato e coordinato, catalogazione centralizzata, prestito interbibliotecario, assistenza biblioteconomica e informatica. Certo l'ingresso di Ariccia nel Consorzio ha favorito e permesso l'attivarsi di questo rapporto.

D: E per la biblioteca comunale, quando ne sentiremo parlare?

R: Spero presto, intanto ho avviato con il Consorzio un rapporto per la catalogazione del fondo di Palazzo Chigi, perché al più presto questi documenti importanti e prestigiosi, oggi purtroppo inaccessibili, vengano inseriti nell'offerta documentaria della nostra area.