RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Primo piano

Storia Quale storia Altra storia

Varchi-Festival della storia (in) contemporanea

Le tre sfingi di bikin

Forse potremmo pensare alla nostra epoca come al tempo della conoscenza diffusa, dell'in-formazione costante, del sapere trasmesso. Ma soprattutto, il tempo della consapevolezza, del sapere con gli altri. Un tempo in cui ci sembra che la coscienza di sé e del mondo non riesca più a rimanere confinata nella propria individualità; che voglia aprirsi, concedersi. E al tempo stesso, esporsi. Sembra addirittura che per affermare il proprio valore, la conoscenza voglia essere non solo condivisa, ma confrontata, dibattuta, questionata, liberamente assunta o respinta.
Colpa di un'era che si è nutrita della scolarizzazione di massa, dei mezzi di comunicazione, dei trasporti veloci, dell'età dei diritti e della democrazia.
Ma colpa anche di una coscienza che si è allargata attraverso un secolo di orrori che non hanno risparmiato nessuno. E di una memoria dalle mille sfaccettature, che pur non accettando dimenticanze seguita a porre domande, a interrogarsi, a scandagliare, a scoprirsi. Che nonostante le tentazioni omologanti, proprie del consenso, impone il suo senso critico costringendo tutto e tutti a misurarsi con le proprie certezze. Che non si appaga dei fatti, ma vuole sapere il come e il perché. Che indaga nel recente passato, ma vuole conoscere il presente.
È a questo bisogno di conoscenza discussa che oggi sono chiamati a rispondere storici, filosofi, scienziati, giornalisti, scrittori, coloro che per professione o passione cercano di leggere con sguardo attento la storia e gli eventi del nostro tempo.
È con questo spirito che nasce Varchi-Festival della storia (in) contemporanea, che dal 15 al 17 ottobre realizzerà, qui nei Castelli Romani, la sua prima edizione, concepita come una grande arena di uso pubblico della cultura.

Tre giornate di tavole rotonde e dibattiti, di spazi di riflessione e di pluralità di pensieri e posizioni che si confronteranno a Marino e a Grottaferrata nelle piazze, nei cinema, nei musei e nelle sale consiliari.
Globalizzazione e interdipendenze nella storia; Incontri di civiltà e spiritualità; Islam e democrazia, questi i temi portanti che impegneranno studiosi e protagonisti della contemporaneità, senza dimenticare i totalitarismi, le problematiche legate alla genetica e all'ambiente o i momenti più significativi della storia italiana.
Tre giornate di confronto ma anche di altre iniziative : proiezioni cinematografiche, incontri con autori, concerti e inchieste televisive, e aree attrezzate per ospitare un salone multimediale, una libreria specializzata e una sala ludica.
VARCHI è organizzato dall' Associazione Consorzio delle Imprese dei Castelli Romani con il sostegno della Regione Lazio, della Provincia di Roma e dei comuni di Grottaferrata e Marino e il Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani, che parteciperà a questo evento come partner organizzativo, ha già avviato l'incremento delle proprie raccolte documentarie di Storia Contemporanea.

Per la rubrica Primo piano - Numero 36 ottobre 2004