RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

DMO Castelli Romani

Una rete di cultura al servizio del turismo

Quale il contributo delle biblioteche al progetto sul Turismo voluto dai Sindaci?


Da oltre un anno il Consorzio SBCR ha aperto al proprio interno un piccolo "incubatore/laboratorio" che sperimenta modalità e strumenti atti a far decollare ai Castelli Romani politiche turistiche in forma associata. Se una cosa, tra le tante, va evidenziata tra le competenze che il Consorzio SBCR ha acquisito negli anni è infatti la capacità di fare rete, di far lavorare insieme soggetti diversi e questa capacità è stata messa generosamente in campo nell'avvio del progetto che promuove la destinazione Castelli Romani in Italia e all'estero con esiti, e alcuni dati ce lo confermano, già positivi. Con un lavoro capillare di tessitura, il primo nucleo pubblico-privato di soggetti interessati a far crescere l'appeal della destinazione opera sul territorio e utilizza tutto quanto il Consorzio - anche in collaborazione con il Parco e la Comunità Montana - è riuscito a mettere in campo per la valorizzazione dell'Area. Il sito multilingue, le guide on line e cartacee, la partecipazione alle Bit, l'utilizzazione di bandi rivolti ai privati, il supporto nella costruzione di itinerari e di pacchetti turistici arricchiti dai contenuti che le biblioteche posseggono e che sono linfa vitale per la promozione territoriale. I risultati di questo lavoro sono stati presentati il 27 luglio presso la sede della Biblioteca di Genzano di Roma, alla presenza di un folto numero di sindaci e amministratori dei Castelli Romani. La positività dell'intera operazione, che non ha mancato di evidenziare anche alcune criticità sulle quali lavorare per scioglierne i nodi, è stata al centro dell'interesse di tutte le amministrazioni castellane che faticosamente cercano di superare punti di vista particolari e individuali in funzione di una visione unitaria e frutto di un progetto condiviso. Si guarda dunque avanti e step tu step si individuano nuovi traguardi.

Per la rubrica DMO Castelli Romani - Numero 131 settembre 2016