RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Editoriale

L'anno del leone

Dice l'oroscopo che il 2015 sia l'anno del Leone...e il Consorzio SBCR nasce sotto questo segno. Le premesse ci sono tutte. Abbiamo seminato bene e quest'anno, anche con un pizzico di fortuna, ma soprattutto contando sulle capacità e competenze che possediamo, dobbiamo trasformare i risultati ottenuti in punti di forza per migliorare ulteriormente la qualità dei servizi del nostro Consorzio bibliotecario e il ruolo della cultura nel territorio.

Muovendoci su linee strategiche ben definite abbiamo conseguito i seguenti risultati:

  1. Rafforzamento e consolidamento dell'Ente nel contesto d'Area (con il riconoscimento della sua funzione per la governance territoriale, con la definizione della stabilità del sostegno dell'Ente Regione, con la nuova convenzione con la città metropolitana, primo e innovativo esempio di rapporto con il neonato ente).
  2. Allargamento delle funzioni del Consorzio SBCR (con la promozione di politiche coordinate del turismo per l'intera area castellana).
  3. Affermazione del modello di biblioteca diffusa a livello nazionale.
  4. Ulteriore sviluppo del Fundraising e del rapporto tra pubblico privato a sostegno della cultura.
  5. Partecipazione a bandi europei (progetti Brief e Agire).

La positività dei risultati raggiunti, seguendo tali direttive, costituisce la base su cui il Consorzio SBCR e la sua Fondazione possono impostare il lavoro del prossimo triennio, tenendo presente una ulteriore e ineludibile coordinata che è la novità, ancora in fase di evoluzione, della città metropolitana.

I processi istituzionali in corso obbligano la rete dei servizi bibliotecari, arricchita dei nuovi compiti sul turismo, a ragionare su nuovi modelli e ancora una volta a immaginare nuove dimensioni che consentano di cogliere ulteriori opportunità.
Il 2014 è stato senza dubbio un anno di "visibilità" forte per la nostra realtà bibliotecaria, complice il successo del BiblioUp Festival. Ed infatti non passa giorno in cui non arrivino sollecitazioni da altre realtà italiane per conoscerci e per verificare la possibilità di emulare i progetti e le pratiche di successo che il Consorzio ha realizzato.

Il campo di azione come si vede è assai vasto e non è per nulla banale continuare a crescere e far marciare all'unisono le diverse componenti del nostro lavoro, in un periodo che continua a mostrare i segni della grave crisi che colpisce il Consorzio bibliotecario, nella stessa misura in cui colpisce i Comuni che ne sono soci.

A breve andremo all'approvazione del bilancio di previsione 2015-18. Sarà l'occasione per aprire con tutti i sindaci una discussione ampia e approfondita sulle opportunità e sulle incertezze che ci attendono di fronte ai grandi cambiamenti che può comportare la nascita della Città metropolitana.

A partire dalla riaffermazione della forza che questo Ente e la sua Fondazione hanno acquisito nel tempo e dai successi che è stato possibile raggiungere, grazie alla capacità dei soci di rimanere uniti attorno al Consorzio bibliotecario anche nei momenti più difficili, proporremo nuovi progetti e lanceremo nuove sfide per fare sempre più della cultura un leva forte e un valore aggiunto dei processi di sviluppo del territorio.

 

Il presidente
Massimo Prinzi
I consiglieri di amministrazione
Cristina Benedetti, Ugo Mancini, Cristina Nuzzo

Per la rubrica Editoriale - Numero 124 febbraio 2015
Massimo Prinzi |
Per la rubrica Editoriale - Numero 124 febbraio 2015
Cristina Nuzzo |
Per la rubrica Editoriale - Numero 124 febbraio 2015
Cristina Benedetti |
Per la rubrica Editoriale - Numero 124 febbraio 2015