RIVISTA D'AREA DEI CASTELLI ROMANI

Libri Lettori Biblioteche

Biblioteca Diffusa

Il libro è servito

Il consorzio SBCR ha avuto storicamente l'indiscusso merito di pensare finalmente al territorio dei Castelli Romani in senso unitario, creando dapprima un efficace sistema bibliotecario intercomunale, e quindi, con il mensile Vivavoce e con il sito romacastelli, mettendo insieme tutte le iniziative artistiche e culturali che, sullo stesso territorio, istituzioni locali o di governo, associazioni, enti di ricerca, imprese, singoli talenti creativi si sforzavano quotidianamente di creare, moltiplicandone l'efficacia perché inserite in un progetto organico di più ampio respiro.

È con la stessa lungimiranza e naturalmente con un pizzico di orgoglio che noi di Spazio Art'è di Ariccia aderiamo al progetto Biblioteca diffusa uno dei progetti che le biblioteche hanno avviato per ripensare il territorio sotto il segno della cultura spingendo altresì l'acceleratore sull'innovazione, sulle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione, come ci raccontano ipotizzando un sistema dell'innovazione e della creatività ai Castelli Romani
Fa piacere in particolar modo che Ariccia, pur priva di una biblioteca comunale - ma per l'istituzione della quale sta lavorando - venga coinvolta direttamente; perché questo paese con sacrificio e con fatica sta cercando di riqualificarsi sia civilmente che culturalmente (ancora fresca è la creazione dell'isola pedonale o l'istituzione del Teatro Comunale Gian Lorenzo Bernini nel cuore del Centro Storico, nonché l'elevazione di Palazzo Chigi a Museo del Barocco Romano) e, di conseguenza, indirizzandosi sempre più verso un turismo italiano e straniero di qualità.
È del resto la cultura l'unica ed ultima ancora di salvezza per una comunità che rischia gradualmente di perdere il senso del buon gusto e della bellezza a scapito del cemento armato generalizzato, sempre più erroneamente considerato vettore di benessere e ricchezza.

Ben vengano dunque progetti come questi capaci di coinvolgere, di far parlare professionalità che raramente hanno occasione di farlo, di produrre conoscenza di far emergere creatività e innovazione!